Contattaci

Contattaci

Ormone antimulleriano

AMH – Indicatore delle riserve ovariche nel trattamento ormonale

Alcune donne rispondono in modo insufficiente alla stimolazione ormonale delle ovaie nel contesto del trattamento della fertilità; queste pazienti sono chiamate "poor responder". Le ragioni sono un aumento del valore di FSH femminile, che indica l'inizio della fase climaterica, o un basso valore di AMH (ormone antimulleriano). Nella maggior parte dei casi, l'età avanzata della paziente è la ragione per cui la funzione ovarica è limitata.

Definizione di AMH: cos'è l'ormone antimulleriano?

L'ormone antimulleriano (AMH o Anti-Müllerian Hormone) corrisponde alla quantità di ovociti maturi nelle ovaie di donne sessualmente mature: minore è la quantità, minore è il valore di AMH. Pertanto, il valore dell'ormone antimulleriano è spesso verificato in anticipo rispetto al trattamento ormonale per valutare approssimativamente le probabilità di successo. A differenza di molti altri ormoni sessuali, i livelli di AMH variano minimamente durante tutto il ciclo, quindi possono essere determinati in modo affidabile in qualsiasi momento.

L'AMH mostra le riserve ovariche

Il valore AMH è un indicatore delle riserve ovariche e fornisce un'indicazione approssimativa del successo della stimolazione prima dell'inizio della procedura. Con il valore di AMH si può anche determinare la risposta alla stimolazione ormonale e il numero di ovociti da estrarre.

Esso prende il nome dall'anatomopatologo Johannes Peter Müller

L'ormone "antimulleriano" prende il nome dall'anatomopatologo tedesco Johannes Peter Müller. Nell'ambito della sua ricerca nei primi anni del Novecento spiegò per la prima volta i dotti di Müller organizzati di ciascun embrione e scoprì che questo ormone svolge un ruolo nello sviluppo embrionale: Müller riuscì a dimostrare che tra l'ottava e l'undicesima settimana di gravidanza, l'ormone antimulleriano regola la differenziazione degli organi sessuali. Se è un maschio, le cellule del Sertoli del testicolo embrionale produrranno AMH, dopodiché i dotti di Müller regrediranno. Nel caso di un embrione femmina, non è presente alcun ormone antimulleriano, cosicché dai dotti emergeranno utero, tube e vagina.

Stimolazione ormonale che include l'ormone antimulleriano

L'inizio di una stimolazione ormonale non dovrebbe dipendere esclusivamente dal valore di AMH. Le pazienti, nonostante i bassi livelli di AMH, spesso rispondono bene ai carichi ormonali e si può ottenere un accettabile "rendimento degli ovociti" per la successiva inseminazione artificiale.

Nelle cliniche per la fertilità VivaNeo, raccomandiamo in questi casi una stimolazione graduale: la paziente viene stimolata per cinque giorni. Successivamente si controlla la riuscita della stimolazione con un'ecografia. Se i follicoli maturi si avvicinano alle ovaie, la somministrazione ormonale continua. Se non i rileva nessuna reazione delle ovaie, la stimolazione viene interrotta e si propone un trattamento alternativo (ad es. donazione di ovociti).

Informazioni importanti sull'AMH

  • Tra il 18° e il 29° anno di vita di una donna, il livello di AMH varia leggermente.
  • A partire dai 30 anni, il livello di AMH diminuisce lentamente fino all'inizio della menopausa quando non è più misurabile.
  • L'età avanzata è la principale causa di AMH basso, ma anche altri fattori (come l'assunzione della pillola) possono inibire la produzione di AMH.


La fertilità non dipende esclusivamente dal valore di AMH.

L'ormone antimulleriano consente di determinare in modo affidabile le riserve ovariche. Tuttavia, la fertilità di una donna non può essere determinata solo dal valore di AMH- molti altri fattori fisici svolgono un ruolo nella fertilità femminile. La nostra esperienza nelle cliniche per la fertilità VivaNeo dimostra che le pazienti spesso rispondono molto bene alla stimolazione ormonale nonostante i bassi livelli di AMH. Per questo è ad esempio possibile prelevare ovociti sufficientemente capaci di maturare per una FIVET. Pertanto, nella maggior parte dei casi, raccomandiamo alle nostre pazienti che desiderano avere figli un esame ecografico dopo cinque giorni di stimolazione ormonale. In caso di riuscita maturazione dell'ovulo, continuerà la stimolazione. Se dopo cinque giorni non maturano ovociti, si propone un trattamento alternativo, ad es. una donazione di ovuli.

Determinazione dell'AMH nella fase iniziale del trattamento di fertilità

La determinazione dell'AMH è regolarmente richiesta o effettuata presso le cliniche per la fertilità VivaNeo prima del trattamento, il prelievo ematico della paziente si può eseguire indipendentemente dal giorno del ciclo. Per ulteriori domande sulla determinazione dell'AMH, vi invitiamo a contattarci.

Offriamo questo servizio nelle seguenti cliniche

Klagenfurt

Offriamo questo trattamento anche nella nostra clinica della fertilità di Klagenfurt.

Maggiori informazioni

Wels

Offriamo questo trattamento anche nella nostra clinica della fertilità di Wels.

Maggiori informazioni

Vienna

Offriamo questo trattamento anche nella nostra clinica della fertilità a Vienna.

Maggiori informazioni

Siamo qui per voi!

Contattateci per saperne di più
     

Serata informativa gratuita

registrarsi qui

Registrazione serata informativa gratuita

Primo colloquio di persona

registrarsi qui

Registrazione prima colloquio