Uso di farmaci nell'inseminazione artificiale

Esiste un certo numero di farmaci disponibili per aiutare l'inseminazione artificiale. Questi si usano, ad esempio, per favorire la produzione follicolare e la maturazione dei follicoli, attivando l'ovulazione e per creare la migliore condizione possibile per l'inseminazione. Ecco una panoramica.

Gli ormoni controllano il ciclo femminile

Il ciclo femminile non è un orologio e può differire tra un mese e l'altro. Tuttavia, la naturale secrezione di ormoni ha una certa regolarità. Questi ormoni svolgono un ruolo chiave nel corso del ciclo:

  • l'ormone follicolo-stimolante (FSH) e l'ormone luteinizzante (LH) influenzano la maturazione dei follicoli nelle ovaie. Inoltre, controllano la produzione di progesterone ed estrogeni, che hanno un'influenza sul corso del ciclo.
  • La prolattina influisce sul decorso del ciclo femminile. Se il livello di prolattina aumenta, ad esempio, per l'assunzione di alcuni farmaci, ciò può portare a non ovulare.

Uso mirato di farmaci ormonali nel trattamento per la fertilità Se per una serie di motivi il rilascio di ormoni è sbilanciato, si verificherà un ciclo irregolare. Attraverso l'uso di ormoni per il trattamento della fertilità, i processi che avvengono durante il ciclo possono essere controllati e la finestra temporale per una possibile fecondazione può essere meglio prevista.

Farmaci per lo squilibrio ormonale Il prerequisito per la buona riuscita del trattamento ormonale è una fertilità sufficiente dell'uomo e tube ovariche conformi per la donna. Il trattamento ormonale è un metodo utilizzato sempre in combinazione con il monitoraggio follicolare. È necessario in caso di donne con uno squilibrio ormonale e conseguente interruzione dello sviluppo follicolare e dell'ovulazione.

Donne con sindrome PCO Avviene spesso un rilascio alterato degli ormoni sessuali (gonadotropine) FSH e LH dalla ghiandola pituitaria, una ghiandola ormonale. Un esempio è la sindrome dell'ovaio policistico, in breve sindrome PCO. Nelle donne con sindrome PCO esiste una maggiore secrezione di LH, cioè un aumento del rilascio di LH e una maggiore formazione di testosterone dall'ovaio. Le donne affette da PCO possono soffrire di irregolarità mestruali, fino a scomparsa delle mestruazioni, e mostrare segni di aumento degli effetti degli ormoni maschili (acne, problemi cutanei).

Il trattamento di stimolazione ormonale tramite farmaci Prima di iniziare il trattamento di stimolazione ormonale, viene eseguita un'ecografia per escludere cisti. Inoltre, viene effettuato anche un esame del sangue. La terapia ormonale può consistere nella stimolazione della ghiandola pituitaria mediante compresse di clomifene o la stimolazione diretta della maturazione follicolare ovarica con iniezioni di FSH. Ciò favorisce la secrezione del proprio ormone follicolo-stimolante. L'obiettivo di questo trattamento è lo sviluppo di un follicolo e il raggiungimento dell'ovulazione.

Esami ecografici vaginali e analisi ormonale dal sangue Il medico può ottenere le informazioni importanti per il controllo della stimolazione ormonale tramite gli esami ecografici vaginali e l'analisi ormonale dal sangue. Un rischio del trattamento è una crescita multifollicolare, cioè lo sviluppo di più di un follicolo. Se si presenta un rischio multiplo di grado superiore, il trattamento deve essere interrotto valutando il caso specifico.

Di norma, dopo circa 10-14 giorni si può osservare un follicolo di circa 18 mm di diametro e si attiva l'ovulazione con un'iniezione di HCG (induzione dell'ovulazione). L'ovulazione stessa si verifica circa 24-36 ore dopo. Durante questo periodo, la coppia può iniziare la gravidanza in modo naturale, quindi con un rapporto sessuale. In casi specifici, un trasferimento di spermatozoi pronti può essere effettuato mediante inseminazione.

Quali farmaci sono utilizzati nell'inseminazione artificiale?

Clomifene Il clomifene porta ad un aumento della secrezione dell'ormone di rilascio della gonadotropina nella ghiandola pituitaria. Ciò comporta un aumento significativo di FSH, l'ormone follicolo-stimolante. L'FSH stimola la crescita del follicolo ovarico nell'ovaio. In concomitanza con l'uso di clomifene, si lamentano in singoli casi vampate di calore e sudorazione. Un grosso svantaggio del clomifene è che nella maggior parte dei casi l'endometrio non è ben strutturato.

Merional, Fostimon, Bravelle, Menopur, Menogon HP è gonadotropina umana menopausale (hMG) Precursore dell'FSH ricombinante (geneticamente modificato) è la cosiddetta gonadotropina umana menopausale (hMG), una miscela di FSH urinario e LH urinario. hMG è stata la prima preparazione di gonadotropina disponibile per stimolare le ovaie. È usata ancora oggi perché il prezzo di acquisto è relativamente economico e l'effetto sulle ovaie è eccellente.

Enantone gyn depot, Zoladex, Decapeptile iniezioni, Decapeptyl 0,1 sono agonisti del GnRH per downregulation Nel caso del trattamento FIVET, l'ovulazione non è auspicabile in quanto gli ovociti vengono estratti dai follicoli (iniezione). Quindi si somministra anche un altro ormone. Questo intervento viene definito "downregulation", al fine di prevenire l'ovulazione.

Orgalutran e Cetrotide sono antagonisti del GnRH Un'altra forma di downregulation è utilizzata da circa il 90% di tutte le pazienti nelle nostre cliniche. In questo caso vengono usati farmaci che agiscono esattamente al contrario del GnRH (antagonisti). Queste sostanze bloccano immediatamente la funzione della ghiandola pituitaria.

Gonal F, Puregon è FSH ricombinante Merck Gonal Pen (pdf) L'FSH ottenuto biotecnicamente comporta, esattamente come l'FSH prodotto dall'ipofisi, una stimolazione delle ovaie e quindi un aumento della maturazione degli ovociti. La risposta delle ovaie a questo ormone dipende dalla dose di somministrazione ed è individuale.

Gli ovuli vaginali di progesterone o l'utrogestano sono ormoni del corpo luteo Questi farmaci sono usati per sostenere la fase luteale dopo l'iniezione delle ovaie. Assicurano che un ovulo fecondato trovi le condizioni ottimali e la gravidanza persista. A partire dalla sera del giorno dell'iniezione, questi farmaci vengono introdotti nella vagina e successivamente proseguiti il giorno successivo in base al piano di stimolazione personale (fino all'ottava settimana di gravidanza).

Fluidificanti del sangue (ad es. Aspirina 100 mg, Lovenox) Questo farmaco viene assunto a partire dal giorno dell'iniezione in base al programma di stimolazione personale della paziente (fino all'ottava settimana di gravidanza).

ACIDO FOLICO (ad es. Folsan): Si consiglia di assumere la dose di 0,4 mg al giorno, idealmente a partire da almeno una settimana prima dell'inizio della stimolazione.

Farmaci aggiuntivi, come ad esempio Aprednisolone o Glucophage, sono assunti dalle pazienti consultando direttamente i medici della clinica per la fertilità VivaNeo.

Siamo qui per voi!

Contattateci per saperne di più